Lascia un commento

Il diario di Facebook

Le relazioni ai tempi di Facebook

Se fino al 2004 “i panni sporchi si lavavano in casa” con la nascita di Facebook le cose sono decisamente cambiate; il più famoso Social Network ha infatti rivoluzionato il nostro modo di comunicare e di relazionarci con gli altri, anche attraverso un linguaggio strettamente legato a questa rete sociale come ad esempio termini quali “taggare”, “poke”, il tasto “mi piace” e l’opzione “condividi”. Dall’idea originaria di Zuckerberg (il fondatore) Facebook ha subito svariati aggiornamenti sia nella privacy sia nell’impostazione della pagina, ultimo in ordine di tempo il Diario, questa nuova applicazione del profilo personale permette in modo ancora più incisivo di condividere i tuoi stati d’animo, i tuoi punti di vista e le tue idee con chi ti concede l’amicizia. Il concetto di amicizia, viene quindi traslato dalla quotidianità per essere, in un primo momento, una condivisione di pensieri e di vissuti, e in un secondo momento un mezzo per prescindere o influenzare la quotidianità stessa. Analizziamo ora pro e contro di questa rivoluzione nell’interfaccia:

         Pro

  • Navigazione facilitata nei vecchi post, anche quelli più datati;
  • E’ possibile modificare data e ora dei post;
  • Introduzione della Copertina;
  • Con il registro attività si possono consultare gli ultimi commenti e i “mi piace” che sono stati pubblicati nei post degli amici e nei gruppi
    Contro
  • Inizialmente, la schermata a 2 colonne può generare confusione
  • Non è possibile scegliere gli 8 amici che compaiono nella colonna in alto
  • Nei profili personali i link condivisi risultano a volte tagliati
    In sintesi, diario o non diario? Copertina o non copertina? Navigando fra i profili degli amici è evidente che malgrado i contro evidenzino i dubbi del popolo di Facebook, il fascino della novità ha coinvolto tutti…o quasi. Ma allora c’è da chiedersi: è propriamente la novità o è realmente la nuova struttura del Diario che coinvolge?
Annunci
Lascia un commento

Social web & popolarità : Arriva Social Trends

Web reputation, fanpage, follower e visualizzazioni sono ormai elementi imprescindibili per la popolarità in rete. E le celebrity nostrane lo sanno molto bene: meticolosa infatti la cura che ripongono nella costruzione delle loro identità digitali sui vari social network, sempre soggette a commenti da parte degli utenti. Rapidi anche gli aggiornamenti e fantasiose le strategie di comunicazione social per far parlare di sé in rete e non.Nel bailamme della rete mancava però una classifica che mettesse un po’ di ordine sul presunto livello di gradimento delle cyber star. Ci ha pensato l’Istituto di Informatica e telematica del Cnr, realizzando Social Trends, un’applicazione web che misura la notorietà in base ai seguenti criteri: popolarità, attività e influenza. Una sorta diAuditel applicato a FacebookTwitter e YouTube con relative evidenze in base alle categorie.

Leggi tutto l’articolo su La Repubblica.it

sul sito www.social-trends.it si possono consultare e comparare le hit di Facebook, Twitter e YouTube, aggiornate quotidianamente.

Lascia un commento

Social media: la nuova frontiera della diplomazia

Il pensiero del “guru” dell’innovazione in campo mediatico alla Casa Bianca, Alec Ross

“Quando parlo con i nostri diplomatici spiego loro che non devono essere degli esperti di social media, ma se lavorano in una nostra ambasciata e soprattutto se ne dirigono una, devono incaricare qualcuno del proprio team che sappia cosa fare. (…) Non si tratta di parlare attraverso i social media o di “spingere” un messaggio, gli ricordo innanzitutto che hanno una bocca e due orecchie. I social media vanno utilizzati quantomeno per ASCOLTARE la gente perché questa è la maniera in cui parla la gente nel XXI secolo

“Io sono padre di tre bambini e non posso fare a meno di pensare che i miei figli stanno crescendo in un mondo nel quale gli errori non si dimenticano, nel quale ciò che una persona dice a 16 anni può diventare qualcosa di cui rammaricarsi a 26. Questo aspetto avrà un importante impatto sulla socializzazione e sulla cultura generale”

“Essere su Facebook e cliccare su “Mi piace” non basta per essere un attivista. Una cosa però che abbiamo potuto verificare durante gli ultimi due anni è che l’attivismo online fa aumentare l’attivismo nelle strade e la partecipazione delle comunità. Penso che la sovrapposizione fra mondo online e dimensione reale crescerà ancora”

Lascia un commento

Qui Roma| Arcipelago 2.0°:L’ultimo spettacolo

Si svolgerà dal 15 al 22 giugno, alla Casa del Cinema e alla Multisala Intrastevere di Roma, la 2.0° e ultima edizione di Arcipelago – Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini. Dopo 20 anni si conclude  la manifestazione romana dedicata ai nuovi formati e alle nuove tendenze del cinema indipendente, diventata in poco tempo la più seguita e celebrata sul piano nazionale.

Per scoprire quali sono i corti d’autore e minifilms in programmazione leggi l’articolo di La Repubblica.it

Per maggiori approfondimenti vedi anche l’articolo completo su CinemaItaliano.info 

Lascia un commento

Qui Roma | Torna “Luglio Suona Bene 2012”

Anche quest’ anno Roma ospita la kermesse musicale “Luglio Suona Bene” , che ormai si ripete da ben dieci anni all’ interno dell’ Auditorium Parco della musica.

Per festeggiare il decennale della rassegna,  organizzata dalla Fondazione Musica per Roma, la manifestazione ospiterà star internazionali del rock, del jazz, del pop, della world music e della canzone d’autore.

Si parte il 25 giugno con Giorgia, che porterà sul palco i brani del suo ultimo disco,  mentre il 28 giugno sarà  la volta di  Francesco Renga, per poi passare il 29 giugno alle note musicale di  Ludovico Einaudi che dirige il ritmo frenetico della pizzica salentina con l’Orchestra “La notte della taranta”.

La manifestazione continuerà per tutto luglio fino al 2 agosto con tanti ospiti internazionali  tra cui  ricordiamo  Emil Sandè, Patti Smith, Alanis Morissette, James Morrison e tanti altri.

Lascia un commento

Qui Milano | Parte il 26 giugno il corso “Amministrazione e Gestione del personale”…Affrettati ad iscriverti!!!

Si svolge a Milano dal 26 giugno al 27 luglio il corso gratuito in “Amministrazione e Gestione del personale”

Il corso è volto a fornire una formazione adeguata per intraprendere la mansione di addetto all’amministrazione del personale.

L’obiettivo del corso è fornire le competenze necessarie per l’elaborazione delle buste paga, approfondimenti in diritto del lavoro e la conoscenza delle principali forme contrattuali utilizzate nei rapporti di lavoro in Italia.

Il corso è rivolto a persone con competenze scolastiche, anche minime, in ambito contabile e amministrativo.

Per maggiori approfondimenti leggi qui

e contattaci compilando il form o scrivendo a  info@mipeople.it

Lascia un commento

B&B I Piccoli imprenditori dell’ospitalità crescono..

È la “regina” delle attività per chi vuole mettere a reddito la propria casa, integrando le entrate familiari: consolidata da anni all’estero come filosofia di viaggio, quella dei bed and breakfast (l’offerta di camera e prima colazione fra le mura domestiche) è una realtà in rapida espansione in Italia. La normativa di riferimento cambia da regione a regione, ma quasi ovunque il requisito base è la residenza e viene richiesto un carattere saltuario dell’attività. Avviare un B&B è relativamente semplice: non è necessaria partita Iva o iscrizione nel registro delle imprese, gli adempimenti sono ridotti rispetto a un albergo, basta una semplice Dia per iniziare e non è imposto alcun obbligo per il cambio d’uso del fabbricato (anche se in Veneto, Sardegna e Sicilia, dove non è specificato nella legge regionale, capita che venga richiesto dal comune).

Fin da subito è necessario mettere a fuoco che cosa si può e vuole offrire, a quale tipo di clientela ci si rivolge e con quali modalità organizzative. In particolare occorre spendere molto tempo nella consultazione delle norme che regolano i B&B (legge di riferimento regionale, disciplina antincendio, sicurezza impianti, somministrazione alimenti, antinfortunistica sul lavoro, assicurativa etc.). Utile prendere contatto con le associazioni di settore. In alcuni casi serve la cosiddetta “analisi della concorrenza”, per capire il contesto in cui si opererà, l’offerta già presente, i prezzi applicati dai competitor, la richiesta del mercato.

Per una corretta gestione di un B&B è bene occupare le stanze per il maggior numero di giorni nel periodo di apertura. A tal fine è possibile lavorare con gli uffici turistici o appoggiarsi a agenzie e siti commerciali (ma nel secondo caso c’è spesso l’obbligo di cedere una quota fino al 30-40% sul prezzo della stanza). Un ottimo canale è la fidelizzazione dei clienti (si chieda ad esempio il consenso a inviare offerte promozionali). Opportuno poi conoscere almeno una lingua straniera. Fondamentale è inoltre garantire la massima qualità dei servizi e adattare l’offerta alla clientela, pattuendo ad esempio convenzioni con strutture sportive, museali e simili. Infine può essere utile creare una lista già testata di fornitori.

Sei interessato a saperne di piu’?  Ti piacerebbe essere formato per aprirne uno tuo?

Tabita organizza il corso “Apertura e gestione di un Bed & Breakfast” vieni a scoprirlo anche sul nostro sito web e sfoglia i cataloghi dei corsi.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: